Incastonata in una collina la casa Barossa è stata disegnata dall’architetto Max Pritchard ed offre una vista panoramica sulla magnifica regione australiana “South Wine Region“. La casa segue la pendenza del terreno con cinque variazioni di livello lungo tutta la sua lunghezza, ed una rampa di legno ne collega i diversi livelli. Le cornici colorate che avvolgono la casa ne delineano la forma in modo più netto e deciso rispetto al solito, e contribuiscono a creare un piacevole contrasto con l’ambiente circostante. I cortili presenti su tutti i lati della casa consentono di godere degli spazi esterni anche in caso di vento consistente, situazione frequente in questa regione australiana.

Sono state utilizzate diverse soluzioni per limitare il dispendio energetico dell’abitazione, le più importante è sicuramente l’esposizione delle camere da letto a nord, che consentono di non utilizzare enormi risorse per il raffreddamento. Il riscaldamento per l’inverno è poi a pavimento e sul tetto sono presenti dei pannelli fotovoltaici per rendere indipendente l’abitazione dal sistema elettrico. Per l’acqua invece è stato scelto un sistema a recupero delle piogge, che consente di diminuire sensibilmente il consumo di acqua per tutte le attività come il lavaggio o lo scarico che non necessitano di acqua potabile. In quest’abitazione viene quindi condensata sia l’efficienza energetica sia il design d’autore.

Casa Barossa di Max Pritchard 01 Casa Barossa di Max Pritchard 02 Casa Barossa di Max Pritchard 03 Casa Barossa di Max Pritchard 04 Casa Barossa di Max Pritchard 05 Casa Barossa di Max Pritchard 06 Casa Barossa di Max Pritchard 07 Casa Barossa di Max Pritchard 08 Casa Barossa di Max Pritchard 09 Casa Barossa di Max Pritchard 10

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...