Questa spettacolare BMW R90S è una delle più belle personalizzazioni che si siano mai viste della motocicletta tedesca. E’ stata realizzata da Sébastien Beaupère partendo da una vecchia R90S dei primi anni ’70, ma è stata posizionata in un telaio ancora più vintage di una antica (è proprio il caso di dirlo) BMW R50. È stata costruita con passione e cura maniacale per i dettagli, che rendono la composizione finale una piccola opera d’arte motoristica. I grandi pneumatici sono Avon Mk2, la forcella è una Springer, il serbatoio è di Heinrich e poco sotto si trova un grande faro laterale che dona alla moto un aspetto asimmetrico e da vera e propria “bestia della strada”.

bmw-r90s-sebastien-beaupere

Le sospensioni posteriori sono all’altezza del mozzo della ruota, una soluzione davvero inusuale per una motocicletta moderna, ma che deriva proprio dal telaio della vecchissima BMW R50. Le ruote sono state mantenute con i raggi originari della BMW R90S, mentre i freni sono a tamburo al posteriore e a disco nell’avantreno. Il motore Boxer è della R90S, e misura 900 centimetri cubici, con le due lunghe marmitte che percorrono tutta la lunghezza della motocicletta. In ultimo, non per importanza, il particolare della sella, che è cortissima e rialzata, e contribuisce a dare alla moto un aspetto ancora più “arrabbiato” rispetto alle originiarie progenitrici.

bmw-r90s-sebastien-beaupere-2

bmw-r90s-sebastien-beaupere-3

bmw-r90s-sebastien-beaupere-4

bmw-r90s-sebastien-beaupere-5

bmw-r90s-sebastien-beaupere-6

bmw-r90s-sebastien-beaupere-7

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...