Aogashima: il Villaggio Giapponese costruito all’Interno di un Vulcano Attivo

Per i residenti di Aogashima, villaggio dell’isola che si trova al largo delle coste giapponesi il destino e il caso sono due elementi con cui fare i conti tutti i giorni.

Era il 18 Maggio del 1785 quando sull’isola si scatenò un inferno di fiamme, fuoco e gas che uccise in breve tempo la metà dei 327 abitanti

Di questa Pompei del XVIII secolo non rimangono tracce come nel caso del Vesuvio, ma rimane la memoria di un evento a dir poco catastrofico.

Sull’isola gli abitanti conducono una vita tranquilla, anche se l’Agenzia Meteorologica giapponese e quella di controllo dei vulcani indicano come ancora attivo il vulcano di Aogashima. E’ però vero che sono ben 230 anni che sull’isola non si verificano eventi catastrofici, ed il vulcano fornisce una serie di vantaggi non indifferenti.

Non è chiaro quando ci furono i primi insediamenti umani ad Aogashima, ma si sa che l’isola era abitata all’inizio del periodo Edo ed è menzionata nei documenti storici conservati dallo shogunato Tokugawa.

Gli abitanti possono fruire di sorgenti di acqua calda naturali, energia geotermica in quantità e addirittura saune naturali all’aperto. Vista la vicinanza con le Filippine e la posizione nell’Oceano Pacifico, l’isola è abitata principalmente da pescatori, ma ci sono anche gli appassionati della vita ritirata.

Ad Aogashima è presente una distilleria di Shochu, un liquore simile alla vodka, che tiene alla larga, diciamo così, i cattivi pensieri dell’abitare sopra una bomba ad orologeria. Diversi abitanti, quando vengono intervistati, riportano una visione della vita molto legata al “fato”, non preoccupandosi dei terribili trascorsi legati all’eruzione vulcanica.

Circa 100 dei circa 170 abitanti del villaggio sono nativi dell’isola. La popolazione non autoctona è costituita in gran parte da dipendenti del settore pubblico, come personale scolastico e polizia, molti dei quali vengono temporaneamente trasferiti sull’isola. La popolazione è però in costante calo, se nel 1970 gli abitanti erano 234 oggi sono solo 169, e nel 2045 si prevede saranno soltanto un centinaio.

A marzo 2022, la scuola contava 11 studenti alle elementari, 3 studenti delle medie e 24 docenti e personale, rendendola il maggior centro di impiego del villaggio. La scuola per un breve periodo non ha avuto studenti delle scuole medie nella primavera del 2022, ma 3 studenti sono stati portati da altri luoghi per mantenere attivo il programma delle scuole medie. Oggi non ci sono dichiarazioni riguardo il destino di Aogashima, se verrà abbandonata o meno, ma i suoi abitanti continuano a godere di questo piccolo paradiso lontano dal mondo, non preoccupandosi del fatto che possa trasformarsi in un inferno di lava.

Video#2:

Fonte: SmithSonian


Pubblicato

in

,

da