Le cartoline d’amore sono una tendenza che, da tempo immemore, ci si scambia fra innamorati (o aspiranti tali). Le Valentine, ad esempio, erano buste decorate con motivi floreali già utilizzate nel ‘500, e che poi si diffusero in modo capillare durante l’800, grazie alla tecnologia di stampa in serie a basso costo. Con l’avvento della fotografia anche le cartoline d’amore divennero un messaggio più esplicito, e durante i primi del ‘900 ci si iniziò a scambiare lettere con pose che, per l’epoca, si potevano considerare assolutamente esplicite.

La galleria dell’articolo mostra 22 fotografie a coppie nell’atto di un’effusione amorosa. Probabilmente alcune di queste erano coppie anche nella vita, mentre altri erano solo attori che impersonavano la parte degli innamorati. Purtroppo le informazioni riguardo i nomi e l’effettiva relazione fra i soggetti sono introvabili online, e quindi non possiamo che guardarli immaginandoli (o meno) uniti anche nella vita quotidiana.

Moltissime di queste fotografie vennero scattate a Parigi, probabilmente non a caso conosciuta come “la città dell’amore”. Anche se oggi i soggetti delle cartoline d’amore sono molto diversi da quelli in foto, è interessante pensare a quale frasi potessero accompagnarsi l’invio di tali immagini, all’inizio del ‘900.

Altre fotografie invece servivano soltanto a conservare il ricordo dell’amore in gioventù, un’istantanea di un bacio o di un abbraccio da conservare nel tempo, come prezioso ricordo del tempo che fu.

Anche se inusuale, ancor oggi, nonostante la tecnologia e i social media, c’è ancora chi spedisce una lettera o una cartolina d’amore…

Amore Vintage#6:

Amore Vintage#7:

Amore Vintage#8:

Amore Vintage#9:

Amore Vintage#10:

Amore Vintage#11:

Amore Vintage#12:

Amore Vintage#13:

Amore Vintage#14:

Amore Vintage#15:

Amore Vintage#16:

Amore Vintage#17:

Amore Vintage#18:

Amore Vintage#19:

Amore Vintage#20:

Amore Vintage#21:

Amore Vintage#22:

Tutte le immagini sono di pubblico dominio.

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...