Air Hogs presenta il Drone-Millenium Falcon, l’X-Wing e l’AT-AT radiocomandati

Il drone a forma di Millenium Falcon è probabilmente uno dei gadget più desiderati dagli appassionati di Star Wars, e Air Hogs, in collaborazione con Disney, ha recentemente dato vita ad un prodotto altamente curato che ricalca la forma della nave spaziale comandata da Han Solo. Il piccolo drone è un quadricottero che, come già visto in molte soluzioni artigianali riprodotte da diversi appassionati in tutto il mondo, ospita i quattro rotori nella fusoliera della nave.

Molto curato anche il radiocomando, che ospita sei batterie che ricaricano direttamente il drone, in modo da essere sempre autonomi rispetto ad un caricabatterie tradizionale. All’interno della radio è inoltre ospitato un piccolo altoparlante che riproduce i classici suoni della saga ideata da George Lucas. Il drone, costruito in polistirolo, è discretamente resistente agli urti, e non necessita di grande esperienza per essere pilotato.

Di altra fattura l’X-Wing radiocomandato, che non è un drone nel senso più tradizionale del termine ma un aereo radiocomandato, con i motori e le eliche intubati all’interno della forma della navicella spaziale che colpì la Morte Nera. Dal video si nota come pilotare l’X-Wing non sia alla portata di tutti, e che sia necessario un bel po’ di “manico” per governare il piccolo aeroplano.

Completamente diverso il modello radiocomandato dell’AT-AT, il veicolo a quattro zampe reso famoso dalla battaglia su Hoth de “L’Impero Colpisce Ancora”. Il quadripode si muove come nei film della saga, anche se molto più velocemente, e dispone di un radiocomando personalizzato attraverso il quale salvare i movimenti e riproporli tutti in sequenza.

In vista dei nuovi film della saga di Star Wars Air Hogs e Disney hanno confezionato tre prodotti di pregevole fattura che saranno fra i regali di Natale più ambiti dagli appassionati di una “Galassia Lontana Lontana”…

Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...