La progettazione di micro-abitazioni è una delle frontiere del futuro per l’architettura moderna ed ecosostenibile. Ci ha pensato anche il famoso architetto italiano Renzo Piano con il progetto Diogene per la Vitra, ed ora tali realizzazioni stanno per divenire realtà su larga scala grazie allo studio Tengbom di Stoccolma, il più antico studio di architetti svedese, fondato nel lontano 1906.

abitazione 10 metri quadrati svezia-0004

La casa delle immagini si chiama “Student Smart Unit” ed ha tutto il necessario per essere definita “abitazione”. L’unità è realizzata completamente (o quasi) in legno e dispone di bagno, angolo cottura attrezzato, sedie e tavolo per lo studio e di una zona notte interamente soppalcata.

abitazione 10 metri quadrati svezia-0000

Il design interno ed esterno si può definire maggiormente raffinato rispetto alle realizzazioni viste sinora, con il legno lasciato color naturale a rendere “caldo” l’ambiente.

abitazione 10 metri quadrati svezia-0002

Entro il 2014 saranno realizzate circa 22 mila unità abitative di questo tipo, grazie alla collaborazione fra lo studio architettonico e l’università di Lund, nella Svezia del sud.

abitazione 10 metri quadrati svezia-0005

Il costo di ogni singola unità non è stato reso noto ma dovrebbe essere particolarmente contenuto, grazie all’utilizzo del legno e della stoffa in luogo di materiali costruttivi maggiormente costosi, oltre che alla logica di produzione su larghissima scala che abbatterà il prezzo della progettazione.

abitazione 10 metri quadrati svezia-0001

Un’abitazione di questo tipo potrebbe essere utile in tantissimi altri ambiti di emergenza e nel caso di sistemazioni temporanee, dove il basso prezzo garantirebbe una rapida sistemazione delle persone in abitazioni relativamente confortevoli.

abitazione 10 metri quadrati svezia-0006

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...