9 ritratti di persone che vivono con un dollaro al giorno

Negli Stati Uniti gli avvocati hanno spesso fama di essere personaggi avidi e senza scrupoli, come ben raccontato in innumerevoli film hollywoodiani. Ci sono però diverse eccezioni, una di queste è Thomas A. Nazario, professore di diritto presso l’Università di San Francisco, che è anche presidente e fondatore di una organizzazione no-profit, The Forgotten International, che si adopera per la riduzione della povertà in tutto il mondo. Si stima che circa un miliardo di persone nel mondo vivano con un dollaro al giorno, e spesso anche meno.

Nazario ha realizzato il libro “Living On A Dollar A Day, the Lives and Faces of the Worl’s Poor”, una scioccante testimonianza sulla povertà e la sofferenza di un enorme numero di persone.

L’opera è stato realizzata con la collaborazione della fotoreporter Renée C. Byer, vincitrice nel 2007 del premio Pulitzer. Insieme hanno visitato 10 diversi paesi, per documentare le condizioni di povertà in contesti molto diversi fra loro.

L’aspettativa di vita nei paesi più poveri è di circa la metà rispetto a quella dei paesi ricchi. La condizione delle donne è particolarmente difficile, perché sono considerate solo come un “costo”. Per questo motivo sono spesso vendute, ancora bambine, ai trafficanti di minori, o per essere avviate alla prostituzione.

Secondo Nazario, i cambiamenti climatici costituiscono un ulteriore problema per i poveri del mondo, che spesso dipendono da un’agricoltura di sussistenza. “Kayayo Girls” è il nome dato alle migliaia di donne che si trasferiscono dagli sterili territori del nord del Ghana, dove vivevano di magri raccolti, verso il sud del paese.

Nazario afferma: “Ci sono alcune cose che quasi sempre aiutano ad alleviare la povertà, e una è, ovviamente, l’istruzione. Non c’è quasi nulla di terribile politicamente, o minaccioso, nel fornire scuole decenti ai villaggi che non ne hanno, o acqua pulita, o cose così fondamentali, su cui nessuno può trovare nulla da obiettare.

Sotto, il trailer del documentario con la voce narrante di Pierce Brosnan:

Annalisa Lo Monaco

Lettrice compulsiva e blogger “per caso”: ho iniziato a scrivere di fatti che da sempre mi appassionano quasi per scommessa, per trasmettere una sana curiosità verso tempi, luoghi, persone e vicende lontane (e non) che possono avere molto da insegnare.