La morte si sa, è un destino ineluttabile per tutti i vivi. Ma alcuni modi di morire sono talmente strani, che se non si trattasse di eventi luttuosi, strapperebbero quasi un sorriso.

Eschilo, 525 – 456 a.C.

a98665_XM10045123

Le opere di Eschilo sono immortali, e l’antico scrittore è riconosciuto in tutto il mondo come il padre della tragedia, poiché fu il primo dei tre grandi “tragici greci” antichi, insieme a Sofocle ed Euripide. Questa solitamente è la parte più nota della vita di Eschilo. L’aspetto bizzarro della sua storia è legato alla morte, tra le più incredibili che ci siano mai state raccontate. In realtà

E’ l’unico caso documentato di morte umana dovuta a una tartaruga

Sembra che il grande autore sia stato vittima della sua calvizie: secondo molte fonti storiche, Eschilo morì quando un’aquila, scambiando la sua testa calva per una roccia, gli fece cadere sopra una tartaruga, per poterne spezzare il carapace e mangiarla. L’uomo non sopravvisse all’urto con l’animale scagliato dall’alto e morì.

Pietro l’aretino, 1492-1556

10 morti bizzarre 01

Pietro Aretino era un uomo interessante, che diventa via via più intrigante quanto più lo si impara a conoscere. Personaggio dal carattere ribelle e focoso, a suo modo unico, fu uno scrittore che ebbe grande influenza sull’arte e sulla politica del suo tempo. Tuttavia, ciò che lo ha reso famoso era il suo disprezzo per ogni forma di autorità, sia civile sia religiosa, spesso bersaglio delle sue opere satiriche. Morì come aveva vissuto: felice. Anche se ci sono diverse versioni sulla sua morte, e su come realmente avvenne, la più affidabile racconta che l’Aretino morì per soffocamento, durante una festa con gli amici, per il troppo ridere.

Dracone, VII sec. a.C.

10 morti bizzarre 06

Dracone è ben noto per essere stato uno dei primi legislatori della storia. Probabilmente in realtà fu il primo che sistematicamente registrò in forma scritta una serie di codici e leggi, che avrebbero poi formato la prima costituzione di Atene, sostituendo la tradizione orale. Le leggi di Dracone erano proprio come il loro creatore:

Chiare, rigorose e in molti casi disumane

Dracone metteva l’interesse pubblico davanti a tutto, e aveva poca considerazione dei cittadini come esseri umani. Anche per gli standard moderni, il termine “legge draconiana” si riferisce a qualsiasi legge particolarmente severa. Tuttavia, i cittadini ateniesi erano molto riconoscenti e grati al legislatore, nonostante la natura aspra delle sue leggi, poiché vedevano in lui l’uomo che rappresentava la giustizia divina.

Il loro apprezzamento fu fatale per Dracone: all’epoca vigeva l’usanza di gettare dei mantelli ai piedi dei personaggi meritevoli di rispetto. Mentre il legislatore era in visita all’isola di Egina, durante una manifestazione in suo onore, la folla lo sommerse di mantelli, facendolo infine morire soffocato.

Tennessee Williams, 1911 – 1983

Tennessee Williams è probabilmente uno dei più grandi drammaturghi della storia del teatro americano, e le sue opere sono conosciute anche per le molte trasposizioni cinematografiche. La sua incredibile carriera durò per quasi sei decenni, e alcuni dei suoi lavori, come La rosa tatuata e La gatta sul tetto che scotta, sono ormai considerati dei classici. Ciò che molte persone non sanno di Williams riguarda una sua curiosa abitudine, che gli sarebbe costata la vita.

Tutte le sere usava un collirio, seguendo sempre lo stesso procedimento: apriva la bottiglia, poi si metteva regolarmente il tappo in bocca, si sedeva, e faceva cadere le gocce in entrambi gli occhi. L’ultima volta le cose non funzionarono nel modo giusto. Nella sua relazione, il medico legale dichiarò che Williams rimase soffocato dal tappo della medicina che stava usando. In seguito si fecero delle speculazioni su un abuso di droghe e alcol, ma la cosa non fu mai ufficialmente provata.

Li Bai, 701 – 762

10 morti bizzarre 08

Li Bai è una delle figure più importanti della poesia cinese, ma non è molto conosciuto in occidente. Famoso per il suo romanticismo eccessivo, e per l’amore verso la natura e tutto ciò che comprende, Li Bai morì esattamente come aveva vissuto, come un inguaribile romantico amante della Natura. Divenne famoso come l’uomo che cercò di baciare la luna, ma questa “passione” gli costò la sua stessa vita: si dice che il poeta abbia cercato di baciare il riflesso della luna sull’acqua, sporgendosi dalla sua barca, ma che cadde nel fiume, annegando. Le persone che lo conoscevano meglio lo descrivono come un alcolizzato, e ritengono molto probabile che non fosse sobrio durante l’incidente fatale. Ironia della sorte, solo poche settimane prima della sua morte, scrisse una poesia intitolata “Bevendo da solo sotto la luna”.

Ario, 256 – 336
10 morti bizzarre 12

Ario fu un personaggio che lasciò il segno nella storia. In alcuni casi, divenne la figura principale dietro grandi polemiche come la “controversia ariana”. I suoi insegnamenti circa la preminenza del Padre sul Figlio lo resero famoso in tutto il mondo cristiano, e la sua opposizione alla Trinità fu un argomento fondante del Concilio di Nicea. Malgrado la sua grande influenza nella storia politica e religiosa, viene spesso ricordato per il modo bizzarro in cui morì.

Secondo il racconto di Socrate Scolastico, Ario stava camminando attraverso il foro imperiale di Costantinopoli, quando un’improvvisa e violenta diarrea, seguita da emorragia, gli fece uscire una parte dell’intestino, provocandone la morte quasi immediata. Molti dei suoi nemici videro “questo straordinario tipo di morte” come una forma di punizione divina, conseguenza delle sue idee eretiche, mentre in realtà probabilmente non fu altro che il risultato di un avvelenamento.

Pirro, 319 – 272 a.C.

Secondo Annibale Barca, Pirro era il più grande stratega militare che avesse mai conosciuto, secondo solo ad Alessandro Magno. Durante il suo regno riuscì diventare il re dell’Epiro, della Macedonia antica, della Sicilia, e fu uno dei pochi a sconfiggere l’esercito di Roma. Molti storici concordano sul fatto che se fosse vissuto più a lungo forse la storia antica andrebbe interamente riscritta.

Dopo esser sopravvissuto a numerose battaglie sanguinose subì una fine indegna. Nel corso di una battaglia civile, nella città di Argo, Pirro si trovò intrappolato tra i vicoli della città, e una vecchia donna gli scagliò una tegola dal tetto della sua casa. Il re rimase stordito, e così un soldato argivo riuscì ad ucciderlo. Molti storici concordano sul fatto che Pirro sia morto per il colpo ricevuto in testa, e che il soldato abbia decapitato il suo corpo già morto.

Hans Steininger, 1508- 1567

10 morti bizzarre 03

L’unica cosa certa è che se il Guinness dei Primati fosse esistito quando l’austriaco Hans era vivo, l’uomo avrebbe battuto il record della barba più lunga del mondo. Secondo varie stime, misurava più di 1,50 metri, e fu la causa della sua morte. Può sembrare incredibile e paradossale, ma sembra che un giorno Hans abbia accidentalmente inciampato sulla sua lunga barba, cadendo dalle scale e rompendosi il collo.

Béla I, 1015 – 1063

10 morti bizzarre 10

Béla I fu un re dell’Ungheria, che guidò il suo paese in una campagna di grande successo contro l’Imperatore Enrico III, per difendere l’indipendenza del proprio paese. Fin dall’infanzia, Béla sognava di diventare re, tuttavia, nel suo caso non era una cosa facile.

Sfortunatamente per lui proveniva da una grande famiglia con diversi fratelli, cugini e nipoti, che aspiravano tutti al trono. Dopo tante lotte contro nemici esterni e interni, riuscì finalmente a diventare il re d’Ungheria nel 1061, ma non  per molto tempo. Bela morì per le gravi ferite riportate, non in seguito ad una battaglia, ma al crollo del suo enorme trono di legno. Béla, quasi morto in seguito alla caduta, venne condotto in braccio dai soldati al confine del suo regno quando, infine, sulle rive del fiume Kinizsa morì. L’uomo perì letteralmente a causa di quello per cui aveva combattuto di più nella vita:

Il proprio trono

Tutte le immagini sono di pubblico dominio.

Annalisa Lo Monaco
Annalisa Lo Monaco

Lettrice compulsiva e blogger “per caso”: ho iniziato a scrivere di fatti che da sempre mi appassionano quasi per scommessa, per trasmettere una sana curiosità verso tempi, luoghi, persone e vicende lontane (e non) che possono avere molto da insegnare.