Freddie Mercury era il frontman dei Queen, tornati ultimamente alla ribalta con “Bohemian Rhapsody”, il film che ripercorre i primi 15 anni di carriera della band più famosa degli anni ’70 e ’80.

Di lui abbiamo già scritto parlando del suo rapporto con Mary Austin, la fidanzata e poi fraterna amica che lo accompagnò per tutta la sua carriera, e anche per mostrare le sue doti canore nell’articolo dedicato alle canzoni registrate a cappella, senza accompagnamento strumentale.

Oltre che per le doti canore, Mercury fu un frontman eccezionale, capace di far ballare ed emozionare decine di migliaia di persone come forse nessun altro nella storia della musica. Parte del suo carisma era dato dal vestiario, sempre sopra le righe e capace di catalizzare l’attenzione, enfatizzando i gesti. Mercury rese popolari fra gli uomini le fasce per la fronte, il glitter, i tacchi, i cappelli eleganti, le giacche multicolore e i cortissimi shorts, forse il suo marchio di fabbrica maggiormente conosciuto.

Di seguito una serie di fotografie, sia sul palco sia nella vita di tutti i giorni, degli Shorts di Freddie Mercury.

Shorts di Freddie Mercury#5:

Shorts di Freddie Mercury#6:

Shorts di Freddie Mercury#7:

Shorts di Freddie Mercury#8:

Shorts di Freddie Mercury#9:

Shorts di Freddie Mercury#10:

Shorts di Freddie Mercury#11:

Shorts di Freddie Mercury#12:

Shorts di Freddie Mercury#13:

Shorts di Freddie Mercury#14:

Shorts di Freddie Mercury#15:

Shorts di Freddie Mercury#16:

Shorts di Freddie Mercury#17:

Shorts di Freddie Mercury#18:

Shorts di Freddie Mercury#19:

Shorts di Freddie Mercury#20:

Shorts di Freddie Mercury#21:

Shorts di Freddie Mercury#22:

Shorts di Freddie Mercury#23:

Shorts di Freddie Mercury#24:

Una famosa interpretazione in short risale al 25 Novembre 1981 a Montreal, di cui sotto trovate il video di “Another One Bites to Dust”. Come parte dello show, Mercury iniziò il concerto completamente vestito, con giacca e pantaloni di pelle, per finirlo praticamente svestito in Shorts:

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...