1989: Trovato un Aereo Nazista precipitato fuori San Pietroburgo

Il Focke-Wulf FW190 fu un aeroplano tedesco attivo nella Luftwaffe fra il 1941 e la fine della Seconda Guerra Mondiale, nel 1945. La superiorità tecnica dell’aeroplano nei confronti dei suoi pari alleati era tale che, per diverso tempo, l’aviazione nazista fu considerata superiore a quella dello schieramento avversario. L’FW190 fu utilizzato da parte dei tedeschi su tutti i fronti della guerra, sia verso oriente sia verso occidente, e l’esemplare delle immagini fu ritrovato, nel 1989, nei pressi di San Pietroburgo, in Russia.

Il pilota dell’aeroplano precipitato si chiamava Paul Rätz, prigioniero di guerra rimpatriato nel 1949, che morì nel 1989. L’aviatore non era nuovo ad esperienze drammatiche sugli aeroplani, e questo fu ben il terzo aereo che fece atterrare in condizioni di emergenza. Nel Luglio del 1943 attaccò un convoglio ferroviario, ma si trovò ad operare un atterraggio di fortuna. Decollato da Siwerskaja, l’aereo attaccò un treno blindato, subendo pesanti danni dalla contraerea russa. L’atterraggio di fortuna del FW190 fu però causato dal malfunzionamento del motore BMW801, una macchina nuova che era stata montata sull’aeroplano soltanto pochi giorni prima del decollo. Rätz riuscì ad atterrare e prese il kit di sopravvivenza allontanandosi dal luogo dello schianto, venendo poi catturato dai russi.

Recupero e restauro

Il Focke-Wulf FW190 fu stato trovato in un bosco di betulle nel 1989, ma fu solo nel 1991 che venne recuperato da un elicottero. Gli attuali proprietari sono il Flying Heritage Collection, gestito da Paul Allen. Il restauro rivelò che questo FW190 cadde a causa del sabotaggio del motore, che era appena stato installato e di cui vennero trovate le condotte dell’olio completamente bloccate. Spesso le fabbriche di motori utilizzavano la forza lavoro dei prigionieri, che sabotavano intenzionalmente le macchine che producevano.

Un restauro parziale fu avviato nei primi anni ’90, e poi il relitto fu venduto al Flying Heritage Collection. Gran parte del lavoro fu realizzato nel Regno Unito e poi terminato negli Stati Uniti. Oggi, l’aereo è l’unico Focke-Wulf 190A in grado di volare con l’originale BMW801 da 1730 cavalli.

Sotto: uno dei video del ritrovamento:


da