Molte volte le strade di città e di piccoli paesi nascondono, o meglio, mettono in mostra, meraviglie della natura che ci aspetteremmo di trovare solo in riserve naturali o in grandi parchi. I viali alberati in città, oltre ad avere un valore estetico da non sottovalutare, hanno una funzione ecologica che riveste grande importanza per la salute di tutti i cittadini. Gli alberi, oltre ad essere fonte di ossigeno, riducono il tasso di inquinamento, perché le foglie hanno la capacità di filtrare i famigerati gas di scarico delle automobili; riducono l’inquinamento acustico perché creano una sorta di membrana isolante; con la loro ombra riducono la calura estiva.

Naturalmente non é necessario soffermarsi su questi vantaggi per apprezzare un viale alberato, é sufficiente la gioia che infondono a chiunque cammini sotto questi tunnel naturali, la tranquillità e il benessere che trasmettono ai passanti. Anche i più frettolosi e distratti non possono non restare incantati dai colori e dai profumi che sono capaci di emanare queste semplici meraviglie della natura. E sono proprio vicino a noi, perché in ogni città esiste un viale dove vale la pena andare andare a fare una passeggiata, basta solo guardarsi intorno.

Sotto: Molyvos – Grecia

meravigliosi viali alberati 01

Porto Alegre – Brasile

meravigliosi viali alberati 02

Valencia – Spagna

meravigliosi viali alberati 03

Positano – Italia

meravigliosi viali alberati 04

Spello – Italia

meravigliosi viali alberati 05

Nafplio – Grecia

meravigliosi viali alberati 06

Washington D.C. – U.S.A.

meravigliosi viali alberati 07

Stoccolma – Svezia

meravigliosi viali alberati 08

Cullinan – Sudafrica

meravigliosi viali alberati 09

Taiwan

meravigliosi viali alberati 10

Brisbane – Australia

meravigliosi viali alberati 11

Caras – Severin – Romania

meravigliosi viali alberati 12

Grafton – Australia

meravigliosi viali alberati 13

Jerez – Spagna

meravigliosi viali alberati 14

Bonn – Germania

meravigliosi viali alberati 15

Annalisa Lo Monaco
Annalisa Lo Monaco

Lettrice compulsiva e blogger “per caso”: ho iniziato a scrivere di fatti che da sempre mi appassionano quasi per scommessa, per trasmettere una sana curiosità verso tempi, luoghi, persone e vicende lontane (e non) che possono avere molto da insegnare.