Antico Egitto

11 canoni di bellezza fisica femminile durante il corso della storia 01

Le donne nell’antico Egitto godevano di una serie di libertà che avrebbero riconquistato soltanto molti secoli in seguito, e i costumi del tempo erano assai più liberi di quelli imposti, negli anni successivi, dal cristianesimo. Ad esempio il sesso pre-matrimoniale era una pratica del tutto comune, così come il divorzio dal proprio marito. Le donne erano in grado anche di ereditare titoli nobiliari, come ad esempio successe nel caso della regina Cleopatra. L’arte di quel periodo ci dice moltissimo riguardo i costumi del tempo, con lunghi capelli intrecciati e un fisico snello e slanciato, significante anche l’attività fisica che impegnava le donne di quell’epoca.

Antica Grecia

11 canoni di bellezza fisica femminile durante il corso della storia 08

Aristotele chiamava la forma femminile quella di “un maschio deformato”, e la Grecia era una società decisamente maschilista. Gli antichi greci erano più concentrati sulla bellezza del fisico maschile rispetto a quello femminile, forse anche a causa della diffusa bisessualità del tempo. La nudità era una componente comune della società greca antica, ma sculture e dipinti di donne nude venivano spesso coperti. Si ritiene che la prima importante scultura di nudo femminile nella Grecia classica fu Afrodite Cnidia, che ha mostrava una donna dal fisico piazzato, un seno non pronunciato con seno e fianchi decisamente larghi.

Dinastia Han

11 canoni di bellezza fisica femminile durante il corso della storia 05

La società cinese è stata patriarcale fin dai tempi antichi, e di conseguenza il ruolo della donna era decisamente minimo all’interno della società. Durante il periodo della dinastia Han, la bellezza femminile era identificata in un corpo sottile e armonico, con pelle pallida, lunghi capelli neri, labbra rosse e piedi piccoli. La fasciatura dei piedi (Loto d’oro) fu un’usanza simile a quella del corpetto delle donne occidentali che durò per molti secoli, e che, fino all’inizio del ‘900, era ancora ampiamente praticata.

Rinascimento Italiano

11 canoni di bellezza fisica femminile durante il corso della storia 03

Durante il Rinascimento l’Italia era una società cattolica dalle usanze decisamente partiarcali. Le donne dovevano incarnare la virtù e spesso vivevano separate dagli uomini, sia in pubblico sia in casa. Il valore di una donna era legata al suo rapporto con gli uomini, in forma di Dio, padre o marito. La bellezza Italiana durante il Rinascimento significava un corpo arrotondato, compresi fianchi pieni e seno pronunciato, pancia piatta, capelli con lunghi boccoli biondi e una pelle bianca pallida. Emblema di questa figura è la Venere di Botticelli.

Inghilterra vittoriana

11 canoni di bellezza fisica femminile durante il corso della storia 10

L’era vittoriana dell’Inghilterra durò per tutto il longevo (63 anni) regno della regina Vittoria. La regina era la figura più influente dell’epoca, che divenne moglie e madre in età giovanissima. Lo stile del tempo riflette la posizione materna delle donne nella società. Le donne indossavano corsetti per cingere la vita il più strettamente possibile, creando una figura a clessidra. Questi corsetti limitavano le possibilità di movimento delle donne, ostentando la loro emancipazione dal lavoro fisico.

I ruggenti anni ’20

11 canoni di bellezza fisica femminile durante il corso della storia 04

Le donne negli Stati Uniti ottennero il diritto di voto nel 1920, un cambiamento epocale che promosse una bellezza maggiormente indipendente e costretta negli usi e costumi del tempo. Va da sé che il look fosse androgino, con seni piccoli (ridotti anche da reggiseni fascianti) e un corpo snello e slanciato.

L’età d’oro di Hollywood (1930 – 1950)

11 canoni di bellezza fisica femminile durante il corso della storia 06

L’età d’oro di Hollywood durò da tutto il 1930 fino al 1950, con una pausa forzata causata dal secondo conflitto mondiale. Durante questo periodo era in vigore il Codice Hays, che stabiliva cosa poteva e non poteva essere mostrato nei film del cinema. Il codice identificava i ruoli che potevano svolgere le donne, creando una versione idealizzata che, per la prima volta, si diffuse in tutto il mondo. Le stelle del cinema del tempo, su tutte, Marilyn Monroe, ostentavano la propria marcata femminilità, in contrapposizione a quella precedente degli anni ’20.

Gli anni ’60

11 canoni di bellezza fisica femminile durante il corso della storia 11

Il ruolo della donna negli anni ’60 fu oggetto di un profondo sdoganamento dai canoni di “mater familias” che le erano assegnati sino a qualche tempo prima. La pillola anticoncezionale, il divorzio, il lavoro e molti altri aspetti legislativi promossero una figura completamente diversa della donna nella società, chee contribuì ad affermare quella che divenne una figura androgina, incarnata, come stereotipo, dalla modella Twiggy, che era filiforme e completamente priva di curve.

Le super-modelle degli anni ’80

11 canoni di bellezza fisica femminile durante il corso della storia 02

Jane Fonda contribuì a creare la moda dell’aerobica negli anni ’80, che ha resero il fisico della donna oggetto di una modellazione atletica mai conosciuta prima. Cindy Crawford era il canone estetico dell’epoca: alta, magra, atletica e infine formosa, la donna era sportiva e brillante, sia a casa sia al lavoro.

La fase Chic degli anni ’90

11 canoni di bellezza fisica femminile durante il corso della storia 09

Dopo il materialismo e l’esercizio atletico degli ’80, la moda cambiò, con una nuova icona, Kate Moss, che venne assunta a ideale estetico di quell’epoca. Androgina e filiforme, la donna era ormai padrona del proprio corpo senza necessità di esercitarlo, spesso anche con pillole dimagranti e, purtroppo, a rischio anoressia.

Bellezza postmoderna (dal 2000 a oggi)

11 canoni di bellezza fisica femminile durante il corso della storia 07

La figura femminile degli anni 2000 è tornata su canoni estetici più classici, con forme generose ma al tempo stesso atletiche e slanciate. Persi molti degli estremismi delle decadi precedenti, la figura della donna è oggi femminile ma indipendente, sensuale ma al tempo stesso atletica e prestante, senza la necessità di trasferire nel fisico una già acquisita emancipazione sociale.

Fonte: Buzzfeed

Matteo Rubboli
Matteo Rubboli

Sono un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porto la cravatta o capi firmati, e tengo i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa mia, mi hanno disegnato così...