Una serie impressionante di ritratti in bianco e nero questo ultimo set fotografico, “Weird Beauty“, firmato dal fotografo russo Alexander Khokhlov. Realizzati in collaborazione con la make-up artist Valeriya Kutsan mostrano un nuovo approccio alla bellezza attraverso la brillante colorazione in bianco e nero delle immagini. Al posto della bellezza naturale della modella, l’accento è posto su varie forme che sono dipinte sul volto, che creano una impressionante illusione ottica. Il volto della modella è sia una tela che un elemento chiave nel dare un’espressione a un simbolo o alla costruzione dell’impressione di illusione. Su queste tele umane si evolvono i simboli che vanno da Topolino, al codice QR, al simbolo del Wi-fi, o solo ad un segno di impulsi.

Alexander afferma:

“In questa serie abbiamo deciso di negare qualsiasi colore tranne il bianco e nero per mettere l’accento su forme e volumi. L’esperimento dovrebbe dimostrare che usuali forme semplici, cose familiari o caratteri possono essere una parte principale della meravigliosa bellezza che viene resa dalla combinazione fra volto e disegno.”

Anche se il progetto è ancora in corso di svolgimento, dimostra che nel campo della fotografia e della bellezza proprio come nella moda, meno è meglio. Il progetto finale conterrà 15 foto e sarà presentato ufficialmente a Mosca nel mese di ottobre.

Alexander Khoklov-0000

Alexander Khoklov-0001

Alexander Khoklov-0002

Alexander Khoklov-0004

Alexander Khoklov-0005

Alexander Khoklov-0006

Alexander Khoklov-0007

Alexander Khoklov-0008

 

Aggiornamento:

Alexander ha di recente pubblicato una serie di immagini a colori che mostrano la sua abilità nel dipingere i volti anche con una tavolozza cromatica ampia e variegata.

Alexander Khokhlow-0006

Alexander Khokhlow-0005

Alexander Khokhlow-0004

Alexander Khokhlow-0003

Alexander Khokhlow-0000

Alexander Khokhlow-0001

Alexander Khokhlow-0002

Condividi
Matteo Rubboli
Matteo Rubboli è un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porta la cravatta o capi firmati, e tiene i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa sua, lo hanno disegnato così...