Lo studio statunitense Wendell Burnette Architects ha reso pubbliche le immagini del progetto per l’Hotel Mirage, che dovrebbe sorgere nelle vicinanze del primo sito riconosciuto patrimonio dell’UNESCO in Arabia Saudita: Mada’in Salih (Hegra nell’antichità). Dopo Petra, è la più importante città dove è possibile visitare numerose rovine del popolo dei Nabatei, con 131 tombe in un raggio di circa 14 chilometri.

qasr-al-farid-9 qasr-al-farid-8L’hotel sorgerà sul lato sud di una straordinaria formazione rocciosa chiamata Jabal Ithlib. Il “campo”, come lo definisce lo studio di architetti, è stato progettato per apparire come un miraggio, che da lontano quasi scompare in un gruppo di pietre che si sollevano dalla distesa di sabbia del deserto sopra ad una “anonima” base costruita in pietra di silice, con un disegno “tranquillo e umile – che non si nota dalle strade che si avvicinano a Jabal Ithlib e all’antica città di Hegra”.

lhotel-mirage-che-sorgera-a-madain-saleh-02lhotel-mirage-che-sorgera-a-madain-saleh-03Arrivando da qualsiasi direzione, a piedi, a dorso di cammello o di cavallo, o con mezzi meccanici, non si vedranno vetri o riflessi, solo una bassa base di arenaria su cui si potrà scorgere solo la calda luce di fuochi accesi attorno a rocce isolate.

lhotel-mirage-che-sorgera-a-madain-saleh-07Così gli architetti illustrano il loro progetto: “All’interno di questo basso plinto di base ci sarà un solitario campo stabile di pietra, che girerà intorno ad un magico giardino roccioso, pieno di voci, dei suoni del liuto, e del profumo del legno di sandalo e dell’incenso. Nelle notti di primavera, l’intero campo sarà profumato dalla fioritura di migliaia di piante di agrumi di Al Ula”. 

lhotel-mirage-che-sorgera-a-madain-saleh-01 L’acqua che al mattino dai pozzi riempirà i canali di pietra, per dissetare le piante di pompelmi, mandarini, limoni, avrà forse lo stesso suono che udivano i Nabatei molti secoli fa.

lhotel-mirage-che-sorgera-a-madain-saleh-05Dalla piazza a gradini, punto di riferimento della vita comune del “campo” si potrà guardare in tutte le direzioni, attraverso le rocce solitarie del Jabal Ithlib a nord, e verso i più visibili menhir che formano la cresta rocciosa ad ovest.

lhotel-mirage-che-sorgera-a-madain-saleh-04lhotel-mirage-che-sorgera-a-madain-saleh-12 In ogni area privata, quasi come in una fiaba delle “Mille e una notte”, si potrà sentire il suono e il profumo dell’acqua, preziosa fonte di vita, e durante la primavera anche quello delle api e dei fiori, e in ogni stagione si potrà godere della magia delle stellate notti del deserto arabo.

lhotel-mirage-che-sorgera-a-madain-saleh-14

lhotel-mirage-che-sorgera-a-madain-saleh-13

Condividi
Annalisa Lo Monaco

Appassionata di arte, romanzi gialli e storia, ha scoperto che scrivere può far viaggiare tutto il mondo da una sedia!