Si chiama “Flying Huntsman” (cacciatore volante) ed è l’ultimo progetto della casa di elaborazioni inglese Project Kahn, specializzata nella customizzazione di veicoli Land Rover. Il Land Rover Defender 6X6 è un vero e proprio fuoristrada estremo, in grado di affrontare sostanzialmente qualunque tipo di terreno e di arrampicarsi, con la sua trazione a sei ruote motrici, lungo i terreni più impervi. Il veicolo originale era un Defender con sole 50 mila miglia percorse, 80 mila chilometri circa, ed è stato sostanzialmente rifatto da capo, eccezion fatta per il motore, che è stato solamente revisionato.

land-rover-defender-6x6-4

Il Pick-Up che è stato creato è sostanzialmente un’altra automobile rispetto a quella di partenza. Per aggiungere due ruote è stato completamente modificato il telaio, aggiungendone una parte al posteriore, e naturalmente la trasmissione e tutta la meccanica sono state interamente ricostruite. Le modifiche non hanno interessato parti soltanto meccanico-funzionali ma anche estetiche, con delle splendide ruote 8X18 1945 Retrò, la rivisitazione totale degli interni con sedili in pelle rossa ed un restyling totale dell’esterno con una carrozzeria assai più moderna e aggressiva.

land-rover-defender-6x6-5

Il risultato è un pick-up estremo, che trasmette una forza massiccia e stabile anche solo ad una prima occhiata. Il motore è rimasto la parte meno performante del veicolo, con una potenza di soli 122 cavalli, impegnati a muovere una trasmissione permanente 6 per 6 e un peso che, anche solo ad occhio, non sembra essere certamente contenuto nelle 2 tonnellate e mezzo. Il prezzo del Land Rover Defender 6X6 Flying Huntsman è di 180 mila sterline, 210 mila euro circa, tasse escluse, of course

land-rover-defender-6x6-1land-rover-defender-6x6-2land-rover-defender-6x6-3

Condividi
Matteo Rubboli
Matteo Rubboli è un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porta la cravatta o capi firmati, e tiene i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa sua, lo hanno disegnato così...