L‘automobile delle immagini è una vera e propria macchina da corsa di Tesla, modificata a partire dalla Model S P100D e progettata per partecipare al campionato Gran Turismo dedicato al modello che inizierà a partire dalla fine di quest’anno. La Model S è stata spogliata di 500 chilogrammi assolutamente inutili alla pista, che consentono alla vettura di Elon Musk di accelerare da 0 a 100 chilometri orari in soli 2,1 secondi, e di raggiungere i 250 chilometri orari di velocità massima.

tesla-p100d-electric-gt-1

L’abitacolo è stato completamente svuotato di tutto il superfluo compresi i materiali insonorizzanti, e al posto del comodo sedile in pelle di serie si trova un OMP in carbonio. Il display centrale, grande quanto un televisore, è rimasto al suo posto ed informerà il pilota sulla telemetria di bordo, ma probabilmente anche su altri dati legati al mondo di internet e dei social.

tesla-p100d-electric-gt-3

Si perché Electric GT, questo il nome del campionato, sarà trasmesso su Youtube, Periscope e Twitch, dove il pubblico potrà interagire direttamente con i team coinvolti nelle gare. I tracciati interessati saranno il Nürburgring, Catalogna, Zandvoort, Mugello, Estoril, Paul Ricard e Brands Hatch. Ogni gara sarà articolata in due manches, una la mattina e una la sera, per un totale di 120 chilometri di corsa.

tesla-p100d-electric-gt-5

Gli organizzatori puntano ad arrivare a 20 vetture coinvolte, tutte identiche, che si daranno battaglia per il primo campionato automobilistico dallo stampo prevalentemente Social. I più esperti avranno notato che le immagini pubblicate dagli organizzatori sono della Tesla P85D e non della P100D. Inizialmente era infatti previsto l’uso della 85 a trazione posteriore, ma le prestazioni della nuova vettura statunitense hanno obbligato a un ripensamento tecnico sulla versione della Model S da impiegare, che sarà quindi la più evoluta della casa automobilistica statunitense.

tesla-p100d-electric-gt-7

Condividi
Matteo Rubboli
Matteo Rubboli è un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porta la cravatta o capi firmati, e tiene i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa sua, lo hanno disegnato così...