La fotografia in copertina fu scattata nel luglio del 1913 dal fotografo francese Stéphane Passet, spedito insieme ad altri in tutto il mondo da Albert Kahn. Kahn era un banchiere parigino, fra i principali pionieri e divulgatori della fotografia a colori, che fece utilizzare ai propri fotografi il processo inventato dai fratelli Lumière chiamato Autocromia. Egli finanziò una spedizione intorno al mondo per documentare usi e costumi dei popoli della propria epoca, spedendo ai quattro angoli del pianeta fotografi professionisti che realizzarono 72.000 immagini, un archivio storico di inestimabile valore chiamato “The Archives of the Planet“. Passet attraversò anche la Mongolia, dove immortalò questa donna condannata a morire di stenti all’interno di una cassa di legno, destinata a diventare la sua tomba. Per l’esecuzione, inizialmente venivano posizionate delle ciotole ai lati della cassa, e ogni tanto le veniva data dell’acqua e del cibo per rallentarne la dolorosissima morte. Il fotografo lasciò la donna nella scatola e non intervenne per non alterare l’equilibrio delle leggi e delle civiltà locali.

La foto fu pubblicata sul National Geographic nel 1922 con la didascalia “prigioniero mongolo in una scatola“. Gli editori affermarono che la donna venne condannata a morte per punire il suo adulterio. La veridicità dell’affermazione fu messa in discussione sovente, anche se l’autenticità della fotografia è indiscussa.

donna-mongola-albert-kahn

Immurement (dal latino im – murus, letteralmente “murare”) è una forma di prigionia, di solito che porta alla fine della vita, nella quale una persona è collocata all’interno di uno spazio chiuso senza via d’uscita. Spesso, quando viene utilizzato come mezzo di esecuzione, il prigioniero viene semplicemente lasciato morire di fame e disidratazione. L’Immurement fu praticato in Mongolia sicuramente durante la prima parte del XX Secolo, sostituito poi dalla fucilazione (la pena di morte fu abolita solo nel 2012).

L’esser murato vivo non sempre conduceva alla morte, ma poteva rappresentare anche una forma di tortura, come in Cina, dove i prigionieri venivano rinchiusi in casse dove non potevano stendersi o alzarsi in piedi e vedevano la luce del giorno per pochi secondi, quando il cibo gli veniva gettato attraverso un piccolo foro.

L’immagine è interna al libro: The Dawn of the Color Photograph: Albert Kahn’s Archives of the Planet, disponibile su Amazon

libro-albert-kahn

Condividi
Matteo Rubboli
Matteo Rubboli è un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porta la cravatta o capi firmati, e tiene i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa sua, lo hanno disegnato così...
  • Mara

    Grande! Tutti i tuoi post sono interessanti. Grazie

    • Matteo Rubboli

      Grazie Mara sei gentilissima!