Le piante d’appartamento sono validi strumenti naturali per purificare l’aria interna, ma alcune di loro sono più efficaci di altre nel filtrare le sostanze inquinanti e chimiche presenti nell’aria. L’infografica realizzata da Lovethegarden.com consente di comprendere quali siano le piante maggiormente utili a rendere l’ambiente più pur, secondo una lista compilata dalla NASA. L’ente spaziale americano effettuò questo tipo di ricerca al fine di rendere il più puro possibile l’ambiente interno alle stazioni spaziali. La ricerca identificò le piante adatte a rimuovere particelle in sospensione di Benzene, Formaldeide, Tricloroetilene, Xilene e Ammoniaca.

lista-piante-nasa-2Le piante adatte a rimuovere naturalmente queste sostanze chimiche dannose per l’uomo sono:

  • Phoenix roebelenii
  • Nephrolepis exaltata
  • Nephrolepis obliterata
  • Chlorophytum comosoum
  • Aglaonema modestum
  • Chamaedorea seifrizii
  • Ficus Benjamina
  • Epipremnum aureum
  • Anthurium andraeanum
  • Liriope spicata
  • Rhapis excelsa
  • Gerbera jamesonii
  • Draceana fragrans “Massangeana”
  • Hedera helix
  • Sansevieria trifasciata “Laurentii”

Lo studio della NASA, realizzato nel 1989, si chiama “A study of interior landscape plants for indoor air pollution abatement” ed è pubblicato integralmente sul sito Archive.org. Nell’infografica sottostante si apprezzano le diverse specie di piante e i loro nomi scientifici.

lista-piante-nasaPer purificare l’aria di una casa da 100 metri quadrati viene suggerito di avere almeno dieci piante che “lavorano” silenziosamente, rendendo l’ambiente interno meno tossico per i suoi inquilini. Alcune delle piante elencate risultano dannose per animali domestici come gatti e cani, ed è quindi necessario verificare prima le specie adatte agli abitanti della casa.

Condividi
Matteo Rubboli
Matteo Rubboli è un editore specializzato nella diffusione della cultura in formato digitale, fondatore di Vanilla Magazine. Non porta la cravatta o capi firmati, e tiene i capelli corti per non doverli pettinare. Non è colpa sua, lo hanno disegnato così...